Benvenuto su Rovigo Magazine

Metterò quotidianamente a disposizione di chi lo desidera spunti, critiche, riflessioni sugli avvenimenti che, volenti o no, subiamo ad opera di altri.

La pagella della settimana

17 giugno 2019 Che strana è la vita dei sinonimi e contrari, pur appartenendo alla stessa specie, quella del regno animale che contempla anche noi uomini e donne. sabato 15 giugno, verso le 16,30 giro in bici sotto un sole cocente. Poche persone in giro per la città. Mi sento improvvisamente chiamare da una commerciante.

Maggiori informazioni

La pagella della settimana

 3 giugno 2019 Se fossero vere le mie intuizioni e le voci “raccolte” tra influenti miei conoscenti, non polesani, Matteo Salvini non verrà a Rovigo per supportare lo sforzo della candidata di centrodestra Monica Gambardella, che domenica 9 giugno se la vedrà al ballottaggio con Edoardo Gaffeo per conquistare la poltrona di sindaco di Rovigheto.

Maggiori informazioni

Nel nome il destino del futuro sindaco di Rovigheto?

30 maggio 2019 A proposito della superstizione, il grande Totò, napoletano verace, in una battuta aveva detto: “Non è vero ma ci credo”, Il primo superstizioso infatti è chi rifiuta di esserlo. Non solo al Centro Sud, ma anche al Nord vanno sempre più di moda amuleti, pentacoli, talismani. Chi, di noi sfogliando giornali e

Maggiori informazioni

La pagella della settimana

27 maggio 2019 Elezioni, ecco alcuni aforismi. Un politico pensa alle prossime elezioni, un uomo di stato alle prossime generazioni. C’è un’azione peggiore che quella di togliere il diritto di voto al cittadino, e consiste nel togliergli la voglia di votare. Una volta le fiabe iniziavano con ” C’era una volta…”. Oggi sappiamo che iniziano

Maggiori informazioni

La pagella della settimana

20 maggio 2019 Quante chiacchiere. Quante promesse irrealizzate fatte dai politici. Che prima o poi si pagano e si pagheranno perdendo facilmente il consenso in fretta accumulato. Ve lo ricordate l’impegno sacrosanto e lucido di Salvini? “Il Prefetto è un organo periferico dell’amministrazione dello Stato che dipende gerarchicamente dal Ministero dell’Interno. In un processo di

Maggiori informazioni

La pagella della settimana

13 maggio 2019 Ci stiamo purtroppo abituando. Lo diamo per scontato. Il giorno dopo la caduta del Duce si faticava a incontrare un fascista. Dopo il defenestramento di Massimo Bergamin un suo sostenitore. Insomma lo schifo non ha età. Dimora, nella consuetudine divenuta legge ordinaria. Come le promesse dei candidati sindaco di Rovigheto. Risolveranno tutto,

Maggiori informazioni

Eletto il sindaco bisognerebbe “costruire” i rovigotti

30 aprile 2019 “Prendete il Palazzo d’Inverno, il resto verrà da se’ “. Era l’ordine tassativo che ispirò una sommossa popolare portando alla sconfitta la borghesia russa, nella Rivoluzione d’ottobre del 1917. È lo stesso obiettivo primario che si prefiggono, oltre cento anni dopo, a Rovigheto: conquistare Palazzo Nodari.  Fatto proprio da combattenti dell’età moderna.

Maggiori informazioni

La pagella della settimana

29 aprile 2019 Giulio Cesare amava i tradimenti ma odiava i traditori. Fino all’altro giorno, ultima data per presentare le liste dei candidati alle elezioni amministrative di Rovigheto, c’erano cinque anime in pena, che vagavano, vagavano cercando casa per rispondere “occhio per occhio” all’espulsione dalla Lega di Salvini. Rimediata per aver detronizzato il loro sindaco,

Maggiori informazioni

Prima del voto sottoporli alla macchina della verità

23 aprile 2019 Entra nel vivo la campagna elettorale per le elezioni amministrative di Rovigheto. Manca un mesetto all’appuntamento con le urne. I nostri occhi, le nostre orecchie saranno subissati, a volte infastiditi dalla campagna elettorale dei candidati. Costosa, a quanto è dato vedere e capire. In mezzo a slogan, cartelloni pubblicitari, riunioni, assemblee, mangiate

Maggiori informazioni

Benvenuti a Rovigheto città dell’inconcluso

18 aprile 2019 Uscito per una passeggiata aveva appeso alla porta d’ingresso un cartello con su scritto: “Non sono in casa”. Terminata la camminata, arrivato davanti alla sua abitazione, letto il cartello, se ne andò. “Non c’è”, mormorò.  Era un parigino famoso per aver inventato l’intensità della corrente elettrica. Si chiamava Andre’ Marie Ampere. Un

Maggiori informazioni