Benvenuto su Rovigo Magazine

Metterò quotidianamente a disposizione di chi lo desidera spunti, critiche, riflessioni sugli avvenimenti che, volenti o no, subiamo ad opera di altri.

La pagella della settimana

15 aprile 2019 Ieri domenica. Ore 9,30, esco di casa con il mio cagnolino per la solita passeggiata. Ancora assonnato sbuco su Corso del popolo, all’altezza dell’ex distributore Agip, e vengo investito dal rumore assordante di due sirene, a tutto volume. Vedo quattro negretti correre come dei matti. Subito penso: è arrivato il ministro del’Interno

Maggiori informazioni

La pagella della settimana

8 aprile 2019 Da qualche tempo nel comando della polizia municipale regna un grandissimo malessere. Non so se possa dipendere dall’organico insufficiente, dalla sede decrepita, ma una parte importante viene scaricata sul comandante. Infatti radio piazza, sempre sottovoce, come si usa quando si vuole chiacchierare alle spalle, informa che stanno contando le ore, i giorni,

Maggiori informazioni

Il mistero di Rovigheto è il visibile non l’invisibile

3 Aprile 2019 Erano presenti anche nelle più sperdute frazioni del Polesine. Fuori, sopra la porta, campeggiava il simbolo gigantesco. Chi si riuniva in quelle anguste stanze, di solito dopo aver lavorato nei campi o in fabbrica tutto il giorno, era orgoglioso di far sapere dove incontrava compagni o amici per discutere di politica. Falce

Maggiori informazioni

La pagella della settimana

1 aprile 2019 Partiti politici e movimenti si sono lamentati, dopo la repentina e inattesa caduta dell’amministrazione Bergamin, di avere poco spazio per organizzare una seria campagna elettorale. Credo che invece siano troppi, i due mesi che ci separano dalle urne. Un tempo che correrebbe veloce se non ci infastidissero con le solite litanie, balle,

Maggiori informazioni

Egregio commissario, a Rovigheto serve l’ordinario non lo straordinario

28 marzo 2019 Egregio dott. Nicola Izzo, le scrivo in qualità di cittadino contribuente da decenni del comune di Rovigo. Quindi titolato, oltre che elettore. Lei è stato nominato Commissario Prefettizio affinché “…gestisca provvisoriamente, compiendo quelle azioni che competono a un percorso ordinario, il capoluogo…”. Considerato che tra due mesi o poco più lei ritornerà

Maggiori informazioni

La pagella della settimana

25 marzo 2019 Due le possibilità: lasciare la tavola quando alla politica non servi più. Soldato che si ritira è buono per un’altra battaglia. La seconda, è l’opzione scelta da Paolo Avezzù. Storico e conosciuto personaggio politico rodigino. Che ha imboccato, come succede nella vita, il percorso discendente. Da sindaco e poi eterno presidente del

Maggiori informazioni

Per Rovigheto si prepara una abbuffata di “careghe”.

24 marzo 2019. Un cuoco, Ettore Bocchia, chef del Grand Hotel di Villa Serbelloni a Bellagio, tempo fa ha preparato un pranzo per un manipolo di selezionatissimi ospiti, mettendo in tavola un esperimento direi rivoluzionario. Degno di attenzione, perché proposto da un esperto staff culinario: si iniziava dal dolce con biscotti al cioccolato fondente, poi

Maggiori informazioni

S.O.S. per il Pronto Soccorso

Oh no, su Compostella non si può! Innanzitutto perché gli hanno imposto i nomi di Sant’Antonio da Padova, Antonio e Fernando. Poi, in sintonia con la sua cattolicissima Vicenza, anche il suo cognome, Compostella, seppur con una elle di troppo, ci raccorda con la città dove riposano le spoglie di uno degli apostoli di Gesù,

Maggiori informazioni

La pagella della settimana

18 marzo 2019 In politica, nel giornalismo e nella vita in generale bisogna saper attendere, senza sbraitare o rincorrere scorciatoie per affermarsi, difendere o ingrassare il proprio portafoglio. L’unica tutela da preservare è la propria dignità. Lo ha fatto in tanti anni di professione un giornalista, Carlo Cavriani, chiamato dal 25 di questo mese a

Maggiori informazioni

Scaricare, e poi ricaricare per “trombare” i Rovigotti

14 marzo 2019 Un po’ di anni fa, in centro a Rovigheto, quando si potevano ancora parcheggiare le automobili in piazza Vittorio Emanuele, c’era un estroverso, eccentrico ma simpatico gestore di un bar che, dopo anni di matrimonio, probabilmente per eccitare la sua spenta o altalenante libido, la sera, abbassata la saracinesca, caricava sua moglie

Maggiori informazioni